oli essenziali

Oli essenziali: quali scegliere per creare atmosfera nel bagno

Esistono numerose varianti di oli essenziali che, grazie alle loro caratteristiche, si adattano di volta in volta a ogni ambiente del vostro bagno. Colori e fragranze infatti sanno unirsi e creare sinergie ed atmosffere magiche nell’ambiente in cui li posizionate: provare per credere!

Perché scegliere oli essenziali per il bagno

Gli oli essenziali trovano principalmentre due impieghi: nella profumazione dell’ambiente e nella vasca da bagno. Si tratta comunque di una pratica antichissima: infatti, fin dalle origini, gli uomini usavano questi prodotti per la pulizia del corpo (oltre che per renderlo idratato e luminoso). Se hai a disposizione una vasca da bagno, potrai realizzare un rituale gradevole e rilassante.

Come preparare il bagno con oli essenziali

Per preparare il bagno nella vasca con gli oli essenziali, rimpitela con acqua calda, con temperatura e quantità modulata a seconda dell’esigenze di ognuno. All’interno della vasca inserite 5 o 6 gocce di olio essenziale, qualsiasi sia il mix di oli che inseriscono è importante che il quantitativo di gocce rimanga invariato. Le gocce vanno inserite, prima di essere versate nella vasca, in un cucchiaio di latte o di olio vegetale, o ancora all’interno di sale marino; meglio ancora se sono sale rosa dell’Himalaya oppure Sali di Empsom. Il perchè di tali operazioni è facile da comprendere. Gli oli essenziali se non diluiti in queste sostanze, essendo poco solubili in acqua, rischiano di far scatenare reazioni allergiche sulla pelle, in quanto molto aggressivi.

Bisogna evitare, arrivati a questo punto, di aggiungere bagno schiuma o altri solventi chimici. Poiché con il loro profumo rischiano di rovinare l’aroma degli olii essenziali inseriti, e quindi guastare l’atmosfera che si è creata nel bagno.

Un accortezza importante, nonché una buona abitudine, è quella di strofinare la pelle, prima di immergersi nella vasca, con un guanto o una spugna in maniera tale da eliminare la pelle morta. Questa prassi è fondamentale per caprire tutti i pori della pelle, facendo così agire gli oli essenziali sulla pelle meglio, perchè più in profondità.

Quali oli essenziali scegliere

Grazie a questa tipologia di bagno è possibile sfruttare tutte le proprietà terapeutiche degli oli essenziali: rilassanti, anti batteriche, energizzanti, ecc… La scelta del prodotto più adatto è fondamentale: è bene propendere per quello più adatto alle nostre esigenze. La conditio sine qua non è che, qualsiasi sia l’olio che scegliamo, sia gradita la sua aroma al nostro olfatto. Se vogliamo rilassarci possiamo orientarci su oli essenziali: alla lavanda, alla camomilla, al mandarino, al geranio, all’arancio o rosa.

Se invece avete bisogno di rivitalizzare ed energizzare l’organismo si consigliano oli: al pompelmo, al limone, al bergamotto, all’eucalipto o al rosmarino. In caso di raffreddori o influenze e quindi se si cerca un effetto anti batterico è possibile aggiungere poche gocce di Tea tree oil. E’ possibile poi sperimentare. Ad esempio si può creare un buon mix finalizzato al rilassamento, come può essere quello rappresentato dalla fusione di lavanda più camomilla romana.

Per chi fosse interessato all’acquisto di oli essenziali per il bagno, o di qualsiasi altro accessorio per il bagno, consigliamo di visitare il sito www.rubinetteria.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *